Incinta si licenzia per un posto in Comune, ma lo perde per il mancato bilancio da parte del consiglio comunale

Il desiderio, il sogno, di un posto fisso è una meta molto ambita per svariate persone. Oggi parliamo di Sara,35 anni incinta di 2 gemelle che si licenzia dalla farmacia privata, per un posto al Comune ma lo perde per il bilancio non approvato dal consiglio comunale.

La donna quando apprende la notizia accusa un malore rischiando di partorire le sue bambine prematuramente.Sara Buonocore è laureata in tecnologia farmaceutica e chimica ed era impiegata da diversi anni in una farmacia privata che l’ aveva assunta a tempo indertermito, ma dopo il conseguire della laurea, nel ben 2011, la donna ha pensato di partecipare ad un concorso comunale, credendo che un posto statale fosse per lei e per la sua famiglia una concreta certezza.

Il Sindaco del PD Alessandro Volti dopo molteplici tentativi in giorni differenti,  ha tentato l’approvazione dell’atto in consiglio, inserendo una seduta addirittura, il giorno di San Silvestro, quindi il 31 Dicembre alle ore 21, ma buona parte della maggioranza, manca in aula non portando  al compimento del numero legale. Dopo che Sara ha appreso la notizia, mentre tutti celebravano il giorno dell’ultimo dell’anno, la donna si è sentita male.

E’ molto arrabbiato il compagno di Sara che si sfoga dicendo:”L’hanno fatta licenziare e adesso la lasciano senza un lavoro. Stiamo valutando di ricorrere in vie legali”. L’ Assessore al personale Silvana Sdoga, ci tiene a far sapere che si impegnerà a parlare con i vecchi datori di lavoro, affinché Sara, possa essere assunta nuovamente, nelle sue vecchie mansioni per una durata di tempo provvisoria, in attesa che si possa nuovamente approvare un nuovo bilancio di previsione con conseguente piano di assunzione. C’è da aggiungere che Sara non è la sola malcapitata, si aggiungono, oltre a lei altri 2 farmacisti, che hanno avute la sua triste situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Adesso in scena

Il Teatro risponde