Lele Joker, baby youtuber: motivatore del web

Aveva nove anni ed era già una star del web con oltre 119mila utenti che lo seguivano con costanza sul suo canale YouTube. Lele Joker aveva un sogno da realizzare: diventare uno youtuber, “e ci sto riuscendo”, affermava con gioia. Nei suoi video erano presenti pillole saggezza, sulla bellezza della vita di ogni giorno e sul semplice piacere di gustare delle patatine fritte. Lele era un piccolo motivatore del web: “Ragazzi, – diceva – inseguite i vostri sogni, io ad esempio da grande voglio fare il dottore e questo farò, mi laureerò perché voglio aiutare le persone a stare meglio, inseguite i vostri sogni perché vi fa bene, stimola il vostro cervello”

. Gabriele, questo era il suo vero nome, combatteva da tre anni contro un neuroblastoma ma non si mai dato per vinto, continuando ad inseguire i suoi sogni, per questo non ha mai voluto farsi sconfiggere dalla tristezza, chiedendo ripetutamente ai suoi fans di sostenerlo con un sorriso. Qualche giorno fa, scriveva: “Ho alcune cose che mi rendono triste. Io non ho una vita normale, ho tante cose a cui pensare, ma vi prego: non scrivetemi cose brutte, siete le mia forza”.

Lele Joker, come si faceva chiamare il piccolo Gabriele, insegnava a inseguire i sogni dal suo canale YouTube. Essere bambino ed insegnare a sorridere, essere bambino ed insegnare ad essere forti per superare le difficoltà, essere bambino ed essere ‘uomo’, essere e non più essere. Gabriele resterà nel web perchè con i suoi nove anni è riuscito ad avere un seguito di migliaia di persone. Protagonista ultimamente de La Vita in Diretta dove si è fatto conoscere attraverso la sua passione, i video condivisi sui social network è stato proprio il programma di Rai 1 ha ricordare su Twitter la scomparsa del piccolo artista: “Purtroppo #LeleJoker ci ha lasciati. Riposa in pace piccolo guerriero ?? #LaVitaInDiretta” . Tanti i commenti di addio, quello di Marrimac: “9 anni ed in poche settimane mi ha spiegato più lui della vita di decenni trascorsi da autodidatta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adesso in scena

Il Teatro risponde