Rifiuti da Roma destinati in Abruzzo, ma ancora non c’è richiesta ufficiale

Molteplici polemiche si animano riguardo la decisione assunta dalla giunta regionale di destinare e smaltire i rifiuti in arrivo dal Lazio, per i quali la Sindaca Virginia Raggi, aveva in precedenza chiesto aiuto, ai comuni di Modena, Granarolo, e Parma. Le 100 mila tonnellate di rifiuti che annualmente vengono accumulate nell’intero Lazio, alle fine di animati discorsi, si è giunti alla conclusione, che saranno destinate agli inceneritori di Aielli, Sulmona e Chieti.

Una riunione lampo si è svolta alcune ore fà nella sede della regione di Abruzzo e Pescara, per la valutazione riguardo l’argomento rifiuti e del probabile trasferimento di questi, dal comune di Roma al comune Abruzzese. Presenti alla riunione straordinaria, a discutere l’argomento si sono presentati, Luciano D’Alfonso, presidente della Regione, Mario Mazzocca sottosegretario alla presidenza della giunta, delegato all’ Ambiente, e il segretario del presidente Enzo del vecchio.

L’incontro è stato piuttosto animato e approfondito riguardo il tema in questione nominato il “piano munnezza”, la decisione definitiva sarà presa nei prossimi giorni, dopo avere effettuato valutazioni a proposito. C’è da aggiungere, dopo una dichiarazione rilasciata da Mazzocca, “che già nel 2015 l’ Abruzzo si è operato in aiuto della Capitale con un accordo in programma stipulato con la Regione Lazio per trattare 180 tonnellate al giorno nell’ impianto di Aielli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Adesso in scena

Il Teatro risponde